Sito web. Cos'è, a cosa serve e come si progetta - Web designer

Sito web. Cos’è, a cosa serve e come si progetta

7 Lug 2018 - Web Design

Il sito web, quasi tutti sanno cos’è, ma non tutti sanno a cosa serve e come si progetta.

Il sito web è uno degli elementi più importanti di una strategia di web marketing e lo possiamo definire un vero punto di contatto tra noi e le persone che lo visiteranno.
Se da un lato è il luogo dove manifestiamo, senza ritegno il nostro ego, raccontando tutta la nostra storia imprenditoriale partendo dalla genesi (e intendo quella biblica!), dall’altro è il luogo dove le persone sperano di trovare le risposte alle loro domande o alle loro esigenze.

Allora puoi capire quanto sia importante questo strumento e quanto lo sia progettarlo come si deve!

Quindi le premesse sono:

  • Il sito web ha un ruolo importante nella mia strategia digitale?
  • Quanto ci credo come imprenditore in questo strumento?

Già le risposte a queste due domande dovrebbe dirci se vale la pena o meno progettare un sito web.
Se non rientra nella strategia, o peggio, siamo noi i primi a non crederci, allora meglio lasciare stare tutto com’è (che non vuol dire facciamo comunque una pagina!)

Talvolta stare zitti è molto meglio di aprir bocca a sproposito!

Come si progetta un sito web

Il primi tre punti da considerare sono: obiettivi, target e tono di voce. Scopriamoli!

Obiettivi

Quale obiettivo vogliamo raggiungere con il nostro sito? Vogliamo vendere online? Vogliamo essere contattati?

Ricordiamoci che il sito è un mezzo e non un fine, quindi diamo a questo strumento uno scopo.

In questa fase dobbiamo comprendere se l’obiettivo è realistico e sostenibile, ma anche se il sito (in dialogo continuo con gli altri strumenti scelti) è lo strumento idoneo per raggiungere quell’obiettivo.
Dobbiamo definire degli elementi con cui misurare questi obiettivi e porsene anche di intermedi per avere anche un’idea precisa della direzione presa.

Target

A chi è rivolto il nostro prodotto/Servizio?

Non mi dire a tutti, ti prego!!!

Salvo situazioni molto particolari sappiamo bene che le persone hanno gusti ed esigenze diverse per età, genere, passioni, etc.

Hai mai visto un dopobarba in una pubblicità rivolta spiccatamente a un pubblico femminile?

Definiamo bene il pubblico, perché ci consentirà di fare scelte successive. Circoscriviamolo, diamogli un volto, facciamo in modo di vederlo davanti a noi.

Tono di voce

Se abbiamo definito il pubblico e chiarito l’obiettivo, dobbiamo pensare con quale tono di voce parlare.

Se il mio pubblico sono dei ragazzi tra i 16 e i 25 anni avrò un linguaggio frizzante, giovane, sia nei contenuti (testi, immagini) che nella grafica, nella scelta dei colori , etc. Viceversa, se vendo prodotti finanziari, avrò un tono di voce formale, tranquillizzante, sia nelle parole che in tutto il corredo grafico.

È questione di coerenza, con l’obiettivo, con il pubblico e con noi stessi, altrimenti appariremmo finti e prederemmo credibilità.

Già questi due elementi ci permettono di capire una prima, grande caratteristica dei siti web: devono essere progettati per le persone che lo dovranno visitare!

Se ci dimentichiamo questo passaggio, è probabile diventare autoreferenziali, parlare di noi a noi stessi.

Un po’ come guardarsi allo specchio e dirsi che siamo parecchio belli!

 

A questo punto dobbiamo capire cosa cercano le persone dal nostro sito e metterlo in relazione con quello che vogliamo e possiamo dire di noi.

Ti vedo felice: finalmente si parla di noi!

Certo! La tua storia è il valore aggiunto, ma dobbiamo farla emergere nelle risposte che diamo alle persone.
Dobbiamo rispondere alle loro domande, alle ricerche che fanno, in maniera esaustiva e allo stesso tempo seducente. Come se le stessimo corteggiando. E in questo diventa decisivo il ruolo della tua storia, della tua passione.

Definiamo bene i contenuti, e soprattutto organizziamoli. Facciamo sì che le persone entrino sul nostro sito con delle domande ed escano con delle risposte esaustive. Creiamo percorsi logici, semplici ed esaustivi per le persone.

 

Adesso è il momento di definire alcuni elementi: Funzionalità, professionisti, piattaforma, layout

Funzionalità

A cosa serve il mio sito web? Devo vendere online? Bene! Allora avrò bisogno di tutte le funzionalità di un e-commerce: catalogo, carrello, cassa, spedizione.
Se invece voglio ricevere dei contatti avrò bisogno di un modulo di contatto.

Definiamoli da subito in maniera chiara e precisa. Eviteremo funzionalità inutili e il rischio di non avere quello che ci serve davvero.

Professionisti

Di cosa abbiamo bisogno per rendere il nostro sito idoneo agli obiettivi?
Vogliamo posizionarlo bene sui motori di ricerca? Allora dovremmo coinvolgere un SEO che si occupi dell’ottimizzazione dei contenuti per il posizionamento.
Vogliamo funzionalità particolari? Allora coinvolgeremo uno sviluppatore per implementare tutto quello che occorre.

Anche qui, individuare le risorse professionali necessarie aiuterà ad evitare errori ed avere sotto controllo l’aspetto economico

Piattaforma

Non esiste la ricetta per tutti. Dipende sempre dagli obiettivi e dalle funzionalità necessarie.
Hai esigenze molto particolari? Allora forse dovremmo pensare a una soluzione personalizzata.
Hai delle esigenze di funzionalità standard? Allora in quel caso potrebbe andare bene una piattaforma CMS come WordPress.

Layout

Immagina: gli utenti cercano qualcosa, trovano il tuo sito tra i risultati ed entrano.
Prima dei contenuti, prima di leggere e discorrere tra le pagine, sarà la grafica a parlare.

Il layout è il tuo biglietto da visita, il modo in cui apri la porta alle persone. La scelta dei colori, dei font, l’organizzazione dei contenuti, le immagini, sono elementi che parlano alle persone, che le coinvolgono e che dovrebbero sedurle, metterle subito a proprio agio.
La prima impressione è quasi sempre quella con cui le persone decidono se fidarsi o meno di noi.

Davvero vuoi affidare la tua prima impressione a un template a caso acquistato su internet per qualche dollaro?

 

Dopo aver definito tutti questi aspetti entrano in gioco i tecnici della realizzazione: Il web designer e lo sviluppatore.

Il web designer si occuperà di trasformare la grafica progettata in un linguaggio comprensibile ai dispositivi mobili (prima di tutto!) e desktop.
È fondamentale che tutto funzioni perfettamente, soprattutto su smartphone perché oltre il 60% degli accessi viene da lì. Inoltre i motori di ricerca premiano sempre più i contenuti ottimizzati per mobile.

Lo sviluppatore invece implementerà tutte le funzionalità definite in sede di analisi preventiva. Sia lato utente: pensa alle funzionalità di carrello, pagamento, etc. che devono essere sviluppate in un e-commerce; che al lato amministrazione: pensa alla sezione per poter inserire nuovi prodotti o modificare quelli esistenti.

Sono due figure distinte e complementari, ognuna delle quali ha bisogno dell’altro per completarsi. Mi rendo conto che questo articolo è sempre più romantico!

 

Se stavi pensando di essere giunto al termine, ti fermo subito. Ci sono ancora un paio di cose.

Aggiornamenti e manutenzione del sito web

Il sito deve essere aggiornato, non puoi lasciarlo fermo nel tempo.

Se percorri il corso principale della tua città a distanza di mesi, vedi le vetrine sempre uguali? Ecco! Anche il sito deve essere aggiornato, è un modo per far vedere alle persone che siete presenti, che possono trovare cose nuove, come dire loro: “tornate a trovarci!”

Inoltre dovrete provvedere alla manutenzione. Soprattutto se usate sistemi CMS come WordPress, è importante tenere il sistema aggiornato. La maggior parte degli aggiornamenti riguarda la sicurezza del sito e le sue funzionalità.
Un consiglio però! Fate attenzione perché questa pratica, potrebbe essere pericolosa e potreste perdere alcune funzionalità del sito, per cui meglio affidarsi a un professionista.

Siamo finalmente alla conclusione.
Il sito è on-line e aggiornato. Ricordati di monitorare i suoi risultati e se sono allineati agli obiettivi bene, altrimenti iniziate a studiare quali modifiche apportare per raggiungere i risultati prefissati.

Come hai visto il lavoro dietro a un sito è complesso e articolato, ed è il motivo per cui occorre un serio professionista.

Affidare il proprio sito al primo cuGGino improvvisato, è come dire alle persone che è così che vedi la tua azienda.

Se vuoi conquistare reputazione, fai in modo che tutto quello che parla di te goda della stessa reputazione che cerchi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.